Secondo te quanti chili si prendono durante le festività natalizie? E questi chili presi quanto incidono sull’andamento generale del tuo peso?

Periodicamente qualche gruppo di ricerca si prende la briga di studiare le variazioni di peso durante il periodo natalizio non tanto per una questione di curiosità quanto per valutarne l’impatto sull’andamento a lungo termine della gestione del peso. I dati che emergono da vari studi realizzati in vari paesi in Europa e nel mondo sono abbastanza concordi nell’affermare che si possa prendere in media fino a un chilo di peso durante il periodo natalizio. In media! Perché c’è chi non prende nulla e chi ne prende di più…

Ma perché è importante fare il punto sui chili presi durante le festività di Natale?

Gli studi riportano che il peso tende a scendere tra gennaio e marzo. Tuttavia spesso non si ritorna ai livelli precedenti le festività. Ed è questo peso residuo il problema principale nella gestione del peso. Un aumento, anche se di piccola entità durante il periodo natalizio, se non completamente smaltito nei mesi immediatamente successivi, rimane come una zavorra che contribuisce all’aumento di peso a lungo termine considerando anche tutte le altre festività che scandiscono l’intero anno. Questi piccoli aumenti di peso se costanti negli anni posso portare ad aumentare di peso da 5 a 10 kg in 10anni! Rilevante no?

Perché proprio il periodo di Natale?

I motivi per i quali il periodo delle feste natalizie risulta così critico sono diversi:

  • È un periodo festivo piuttosto lungo. In Italia nel giro di 2 settimane si contano ben 5 giorni festivi nei quali si consumano pasti ipercalorici;
  • Le pietanze tipiche delle feste sono molto ricche di grassi e molti sono i dolci tradizionali spesso molto ricchi di ingredienti. Questi ultimi vengono spesso consumati giornalmente se non addirittura più volte al giorno e più di una tipologia è presente sulle nostre tavole. Si stima che si possa arrivare a consumare in un solo giorno fino a 6000 kcal!!
  • Le temperature basse e le ridotte ore di luce invogliano alla sedentarietà e spesso si interrompe volontariamente l’attività fisica di routine;
  • Le occasioni di incontrarsi (covid a parte) e fare aperitivi o cene aumentano;
  • Aumenta il consumo di alcol: ricordiamoci che l’alcol da solo, ovvero l’etanolo apporta 7Kcal per grammo, facendo un calcolo approssimativo, un bicchiere di vino al 13% di alcol apporta un centinaio di calorie. Se poi consideriamo gli zuccheri presenti negli aperitivi o nei digestivi capiamo quanta energia in più introduciamo solo in tal modo.

Come aumenta il peso?

Il peso è un numero che dipende macroscopicamente da 2 fattori: massa grassa e massa magra, dove per massa magra si intende tutto ciò che non è grasso e comprende l’acqua corporea, lo scheletro, gli organi interni e i muscoli con tutti gli annessi (tendini, legamenti ecc).

Ingrassare non significa solo prendere peso, dato che anche un aumento dei liquidi può sortire lo stesso effetto. Ingrassare significa prendere grasso. Per prendere un chilo di grasso corporeo è necessario eccedere di almeno 7000 kcal rispetto al nostro fabbisogno! Un esempio? Se consideriamo un fabbisogno medio di 2000 kcal per mettere su un chilo di grasso dobbiamo raggiungere le 9000 kcal!! Quasi impossibile farlo in una sola giornata a meno che non ci sia una base patologica da comportamento iperfagico.

La singola abbuffata quindi conta relativamente. Se vedi il peso aumentare in un giorno sappi che non si tratta di grasso ma di liquidi.

Più probabile ingrassare eccedendo ogni giorno anche di poche calorie in più rispetto al fabbisogno. Ritornando ai calcoli, 500kcal in più al giorno per 2 settimane sono 7000 kcal che si trasformeranno in un chilo di grasso in più se non smaltite con l’attività fisica. E sforare di 500 kcal al giorno è abbastanza facile basta una fettona di panettone, qualche drink di troppo o semplicemente spiluccare dolci e snack più volte al giorno.

Come correre ai ripari?

Sicuramente sarebbe opportuno concentrare il consumo di cibi calorici solo nei giorni comandati e riprendere un’alimentazione sana nei giorni che intercorrono tra le festività. Importante anche non interrompere l’attività fisica di routine e cercare di limitare i comportamenti sedentari.

Se poi non ci riesci proprio, finite le feste non procrastinare e rimettiti subito in carreggiata in modo sano, curando l’alimentazione e riprendendo l’attività fisica. Inutili percorsi detox e diete lampo, prima di tutto perché a detossificarci ci pensano già il nostro fegato e i nostri reni se mangiamo in modo appropriato e in secondo luogo perché rischi di intaccare la massa magra peggiorando la situazione.

E se non sai da dove iniziare, rivolgiti a uno specialista dell’alimentazione che saprà fornirti le indicazioni più appropriate al tuo stile di vita e alla tua fisiologia

 

REFERENZE BIBLIOGRAFICHE

  • Díaz-Zavala RG, Castro-Cantú MF, Valencia ME, Álvarez-Hernández G, Haby MM, Esparza-Romero J. Effect of the Holiday Season on Weight Gain: A Narrative Review. J Obes. 2017
  • Mason F, Farley A, Pallan M, Sitch A, Easter C, Daley AJ. Effectiveness of a brief behavioural intervention to prevent weight gain over the Christmas holiday period: randomised controlled trial. 2018 Dec 10
  • Rees SG, Holman RR, Turner RC. The Christmas feast. Br Med J (Clin Res Ed). 1985 Dec 21-28;291(6511):1764-5. doi: 10.1136/bmj.291.6511.1764. PMID: 3936575; PMCID: PMC1419184.
  • Turicchi J, O’Driscoll R, Horgan G, Duarte C, Palmeira AL, Larsen SC, Heitmann BL, Stubbs J. Weekly, seasonal and holiday body weight fluctuation patterns among individuals engaged in a European multi-centre behavioural weight loss maintenance intervention. PLoS One. 2020 Apr 30;15(4)